Sci freeride

Sci freeride

Abbandonato il rassicurante mondo delle piste battute ci si trova tra le montagne per davvero. Nessun cartello, nessuna rete, solo i nostri sci e la neve che ricopre le cime circostanti.

Sempre più appassionati della neve si allontanano dalle piste perché stanchi della folla; ma per sciare fuori è indispensabile capacità ed esperienza. Ecco che la guida alpina diventa fondamentale per una discesa di sicuro piacere, scoperta e apprendimento; per muoversi con l’atteggiamento corretto, per conoscere la neve e godere della sciata in sicurezza.

Qualche proposta

Val Mesdì:
Dal Passo Pordoi salita al Sass Pordoi in funivia. Discesa verso la forcella del Pordoi, quindi attraversamento in quota fino al Rif. Boè e discesa della Val Mesdì fino a Col Fosco. Da qui è previsto il rientro in Valle di Fassa con la rete degli impianti del Sellaronda.

Val Lasties:
Come per la val Mesdì fino alla forcella del Pordoi, poi discesa per la Val Lasties fino a Pian Schiavaneis da dove ci si ricollega alle piste di Canazei e al carosello del Sellaronda.

Marmolada di P. Rocca:
Dal Passo Fedaia, si scende a Malga Ciapela e si sale con gli impianti fino a Punta Rocca. Discesa per la Via Lidia fino al Passo Fedaia, da qui ci si ricollega con gli impianti del Superski Dolomiti.

Materiale: è sufficiente la normale dotazione per lo sci in pista.

Livello tecnico: si richiede la capacità di scendere in sicurezza da piste nere.

Val di Fassa Val di Fiemme Trentino Dolomiti Unesco Fassa Sport Check Point

Privacy policy