Il galateo dell’escursionista

1. Conoscere l’itinerario dell’escursione:

-conoscenza dell’ambiente alpino

-passo sicuro e assenza di vertigini

-buona condizione fisica, forza e resistenza nelle gambe

 

2. Prepararsi bene all’escursione:

-raccogliere sufficienti informazioni e valutarle in modo razionale

-dislivello in salita e in discesa

-lunghezza complessiva in km, tipo di percorso e di terreno

-caratteristiche del terreno, difficoltà, tempi di marcia per tracciati singoli e complessivi

-punti di sosta quali rifugi, stazioni di funivia ecc.

-servirsi a tale scopo di guide e cartine topografiche

 

3. Prima di partire

-informare parenti, il rifugista o il proprietario del vostro albergo dell’itinerario, della meta e dell’ora di ritorno prevista (calcolata generosamente)

-programmare le escursioni possibilmente nelle prime ore del mattino assolutamente indispensabile in caso di: escursioni molto lunghe, elevato riscaldamento durante il giorno, tendenza a temporali pomeridiani

 

4. Durante l’escursione

-bere abbondantemente

-fare pause a intervalli regolari

-mangiare cibi energetici e leggeri a intervalli regolari

-qualora decideste di cambiare il programma dell’escursione, informate tempestivamente parenti o amici in modo da evitare inutili operazioni di soccorso.

 

5. La sicurezza prima di tutto

-Non superate mai i limiti della vostra capacità e tornate indietro in caso di situazioni di pericolo quali interruzioni di percorso o campi di neve gelati e ripidi.

-Percorrete sempre e soltanto sentieri segnati ed evitate le scorciatoie.

-Restate in gruppo.

-Qualora in caso di nebbia o al sopraggiungere dell’oscurità doveste perdere l’orientamento, riparatevi dal freddo in attesa di maggiore visibilità, del mattino successivo o degli aiuti.

-Una discesa su un percorso sconosciuto può essere a rischio della vita!

-In caso di incidente chiamare sempre il 112 rispondendo alle richieste dell’operatore!

Val di Fassa Val di Fiemme Trentino Dolomiti UnescoFassa Sport Check Point

Privacy policy